Vi informiamo che il sito utilizza i cookie per offrire una migliore esperienza di navigazione; non raccogliamo informazioni che consentano l'identificazione dei visitatori.

Clicca su OK per chiudere questa informativa oppure approfondisci nella pagina Cookie policy

 

Appesi alle percentuali

percentualiIl caso Volkswagen lo dimostra chiaramente: oramai nella nostra quotidianità contano più le percentuali del dato oggettivo in sé. Parafrasando, sensazione vs contatto, approssimazione vs analisi.

La quantità di inquinanti che escono tutti i giorni dalle nostre auto ha davvero poca presa sull'immaginario collettivo; quel che conta sono quei fatidici numeri percentuali che sanciscono l'imbroglio insensato perpetuato dalla casa tedesca: quel 40% in più di inquinamento, dovuto ad un numero pur grande ma limitato di macchine motorizzate circolanti VW, è direttamente responsabile della morte di milioni di persone per inquinamento; in definitiva diventa il capro espiatorio delle nostre accelerate giornaliere e ha come effetto lato le vantaggiose class actions organizzate dagli avvocati per ottenere generosi rimborsi, necessari evidentemente a sostenere le spese per rispedire al mittente il surplus di sostanze nocive emesse finora.

Pensiamoci bene: Volkswagen con i suoi motori ha certamente prodotto sostanze nocive più del lecito, equivalenti ad una data quantità di agenti inquinanti, ma noi, ognuno di noi, quante sostanze inquinanti emettiamo ogni giorno liberamente, senza nessuno che ci controlli?

Non esiste infatti una norma che ci costringa a limitare l'uso dell'auto mediante restrizioni sulla percorrenza chilometrica, non ci viene imposto per legge l'utilizzo di un carburante meno inquinante oppure un mezzo che consumi meno. Possiamo deliberatamente scegliere se usare l'auto oppure andare al lavoro in bicicletta, possiamo tranquillamente acquistare un suv al posto di un'utilitaria, possiamo recarci a Milano per un caffè percorrendo centinaia di km senza che nessuno ci faccia i conti nel tubo di scappamento...

Dunque non sarebbe legittimo applicare una bella percentuale anche a tutti noi autorizzando ad esempio la percorrenza di un numero di km annuo massimo in rapporto all'età del conducente oppure stabilendo una percentuale pro capite di emissione di inquinanti in base ad un limite complessivo massimo ammesso?

Più semplicemente propongo a tutti di tornare a ragionare sui dati oggettivi lasciando perdere le percentuali.

Vuoi viaggiare su di un ingordo fuoristrada? Ok, percorrerai meno km all'anno di chi sceglie un motore parsimonioso. Quando hai raggiunto il tuo limite di emissioni ammesse, andrai a piedi. Ah ah ah, che spasso!

 P:S. Se non avete ben chiaro cosa sia un capro espiatorio, date un'occhiata a questa pagina: http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Capro_espiatorio

contatta Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
3939764295 ~ Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy Policy - Cookie Policy